Il pallone autoespandibile (pallone di AMBU)

Il pallone autoespandibile (pallone di AMBU) è il presidio utilizzato dai soccorritori di tutto mondo per il supporto dell’attività respiratoria o per la ventilazione artificiale durante le manovre di rianimazione cardiopolmonare.
Come è fatto e come funziona questo presidio?
– Un po’ di storia…
– Componenti
– Funzionamento generale

Un po’ di storia…

Il pallone autoespandibile di Ambu (noto anche come pallone AMBU o AMBU) è un presidio inventato negli anni ’50 del XX secolo dal Dr.
Holger Hesse, fondatore dell’azienda Ambu, con la collaborazione del professore danese Henning Ruben.

La sua funzione è di permettere il supporto dell’attività respiratoria autonoma di un infortunato, o di sostituirsi completamente ad essa tramite le ventilazioni artificiali, in caso di arresto respiratorio.

Il pallone ha la caratteristica fondamentale di essere autoespandibile. Esso, infatti, riprende autonomamente la forma dopo ogni compressione, ricaricandosi con aria non respirata dal paziente. Questo è possibile grazie ad una combinazione di valvole unidirezionali che regolano i flussi di aria in uscita ed in entrata.

La prima versione era costruita completamente in pelle e montata su un telaio ricavato da raggi di bicicletta. Oggi ne esistono molti modelli nei più svariati materiali, da quelli monouso a quelli in pvc autoclavabile.

Pallone di Ambu negli anni '50
Pallone di Ambu negli anni ’50

Componenti

Come abbiamo già accennato la funzione del pallone di Ambu è fornire supporto all’attività respiratoria autonoma o sostituirsi ad essa quando è assente o completamente inefficace. Per fare questo il presidio deve essere in grado di:

  • insufflare aria nelle vie respiratorie dell’infortunato vincendo la resistenza passiva del torace all’espansione;
  • evitare danni meccanici dovuti ad una forza eccessiva di insufflazione;
  • arricchire la miscela d’aria con percentuali di ossigeno crescenti, fino ad arrivare quasi al 100%.

Come è fatto?

L’Ambu è costituito da una camera d’aria comprimibile dotata di una serie di valvole di non ritorno per garantire il flusso unidirezionale dell’aria, ed è completato da una serie di accessori che vengono assemblati secondo necessità ed in base alla corporatura del paziente.

Il corpo dell’ambu è costituito dal pallone vero e proprio (la camera d’aria) dotato di:

  • una via di uscita per l’aria in direzione del paziente (A) munita di valvola di non ritorno (V1);
  • due punti di ingresso rispettivamente per l’ossigeno puro (B) o per l’aria proveniente dall’ambiente o dal reservoir (C), anch’essi muniti di una valvola (V3) che impedisce l’uscita dell’aria quando il pallone viene compresso ma permette all’ambu di riempirsi quando il reservoir è vuoto.
AMBU corpo del pallone
corpo del pallone di AMBU

Nella parte di plastica dove è contenuta la valvola di non ritorno (V1) è presente anche una valvola limitatrice di pressione (V2) con relativo tappo di esclusione: quando essa è aperta, è tarata per sfogare l’aria verso l’esterno in caso di insufflazione troppo energica, polmoni troppo pieni, vie aeree ostruite.

All’ambu, al momento dell’utilizzo, vengono poi montate ulteriori componenti, monouso o sostituibili in caso di usura:

  • reservoir: è un sacchetto di plastica che si attacca alla parte inferiore dell’ambu e che funge da serbatoio. Qualora l’ambu sia attaccato ad una fonte di ossigeno sotto pressione (bombola o impianto), esso si gonfia e permette di erogare al paziente quantità di ossigeno superiori a quelle presenti in area ambiente (si passa dal 21% a quasi il 100%);
Reservoir per Ambu
Reservoir per Ambu

  • tubo di raccordo per ossigeno: è un tubicino di plastica di piccolo calibro, identico a quello utilizzato per le maschere ossigeno usa e getta. Permette di far arrivare l’ossigeno erogato dalla bombola fino all’ambu;
Tubo di raccordo per ossigeno
  • filtro: è un sistema di protezione igienica per l’ambu, non indispensabile per il suo funzionamento. Protegge lo stesso da quanto esalato dall’infortunato durante la fase di rilassamento toracico in seguito ad una ventilazione meccanica forzata.
    Soprattutto in caso di emissione di fluidi biologici (vomito, sangue), consente di mantenere funzionale l’ambu con la semplice installazione un filtro nuovo.
Filtro per Ambu
Filtro antibatterico per Ambu

  • catetere di Mount: detto anche tubo corrugato, è un raccordo di 15-20 cm che collega l’ambu al tubo endotracheale o alla maschera laringea in un paziente intubato. Esso consente al soccorritore di muoversi più liberamente e di spostarsi durante le operazioni di trasporto senza il rischio di spostare il tubo endotracheale che deve rimanere necessariamente fisso. Inoltre, essendo dotato di un accesso nella parte di raccordo con il tubo (protetto da tappo), consente l’aspirazione delle vie aree o la somministrazione di farmaci tramite il tubo stesso, senza rimuovere i sistemi di ventilazione.
Il catetere di Mount (o tubo corrugato) funge da collegamento tra l'ambu e il paziente permettendo maggiore libertà di movimento
Catetere di Mount (o tubo corrugato)
  • maschera ambu: è la parte di contatto con il viso del paziente e permette la ventilazione artificiale negli infortunati non intubati. A forma di pera, è prodotta in varie misure per adattarsi al meglio al volto di ogni persona. Copre interamente il naso e la bocca ed aderisce perfettamente alla pelle nonostante le irregolarità del volto grazie ad una camera d’aria circolare presente nella zona di contatto. Per migliorare l’aderenza, la camera è spesso è dotata di una valvola, che permette di variarne il gonfiaggio con l’ausilio di una siringa (solitamente da 20cc).
    La maschera ambu non ha nessun foro per l’ingresso o l’uscita dell’aria, poiché qualsiasi forma di sfiato impedirebbe di ottenere la forza necessaria per espandere efficacemente il torace di una persona in arresto respiratorio.
Maschera faciale per Ambu, con anello di gomma gonfiabile e regolabile per una migliore aderenza al viso del paziente
Maschera faciale per Ambu

Funzionamento generale

Ambu montato correttamente in tutte le sue parti ad esclusione del filtro antibatterico (opzionale)
Ambu pronto all’uso (senza filtro antibatterico)

Una volta montato correttamente il pallone autoespandibile (pallone di AMBU) in tutte le sue componenti e raccordato l’ossigeno, il soccorritore impugna la maschera con una presa a “C” e la fa aderire perfettamente al volto del paziente. La presa viene consolidata con una adeguata pressione verso il volto effettuata con pollice, indice e medio che si trovano sulla maschera. Con l’anulare e il mignolo il soccorritore assicura il posizionamento della maschera sul volto arpionando la parte ossea del mento dell’infortunato.

Tecnica corretta di posizionamento della maschera Ambu sul volto del paziente
Posizionamento della maschera Ambu sul paziente

Con delicatezza viene eseguita la manovra di iperestensione del capo (in assenza di traumi) anche qualora fosse già stata posizionata la cannula di Guedel. A questo punto possono essere iniziate le ventilazioni in eventuale coordinamento con chi sta eseguendo le compressioni toraciche esterne se in presenza di un concomitante arresto cardiaco. Il soccorritore, con la mano che non regge la maschera, comprime delicatamente la camera d’aria costituente il corpo del pallone. Ad ogni compressione l’aria verrà indirizzata verso il torace dell’infortunato, forzandone l’espansione e permettendo lo scambio di gas a livello polmonare.


Flussi d’aria:

Una volta montato completamente l’Ambu lo si raccorda alla bombola di ossigeno. Il gas medicale che entra satura il corpo dell’ambu e riempie il reservoir.

L'ossigeno fluisce dalla bombola nel corpo centrale dell'ambu e gonfia il reservoir
Ingresso dell’ossigeno nell’Ambu

La compressione del pallone dirige l’aria in direzione del paziente (A), la valvola di non ritorno (V1) si apre e ne permette il passaggio. Se la ventilazione è eseguita correttamente la valvola (V1) si chiude al termine della compressione impedendo il ritorno dell’aria nell’ambu.

Il soccorritore comprime l'Ambu e l'aria viene spinta verso il paziente. La valvola V3 blocca l'uscita dell'aria verso l'ambiente
Fase di compressione dell’Ambu da parte del soccorritore

Qualora la forza erogata con la compressione risulti eccessiva entra in funzione la valvola limitatrice di pressione (V2) facendo uscire l’aria in eccesso.

Qual'ora la pressione della ventilazione risulti eccessiva o le vie aeree del paziente siano ostruite la valvola V2 fa uscire l'aria in eccesso
Valvola V2 di sovrappressione in azione

Quando l’operatore rilascia il pallone esso tende a tornare al suo volume iniziale: questo è possibile se può entrare ossigeno od aria. L’ossigeno arriva in piccola parte dalla bombola raccordata e in maggior quantità dal reservoir che si sarà gonfiato e fungerà da serbatoio per riempire rapidamente l’ambu. Qual’ora quest’ultimo sia collassato l’ambu attingerà dall’aria ambiente tramite una valvola (V3). A maggior ragione l’ambu attingerà dall’aria ambiente qualora non fosse montato il reservoir.

L'ambu si riempie nuovamente. Qual'ora mancasse l'apporto del reservoir, attraverso la valvola V3 può entrare aria ambiente
Fase di rilasciamento

Percentuali di ossigeno erogate:

Oltre a consentire una ventilazione meccanica in caso di arresto respiratorio attingendo dall’aria ambiente, il pallone ambu è, come abbiamo già visto, in grado di arricchire l’aria insufflata nel paziente con percentuali di ossigeno crescenti:
21% (aria ambiente): ambu in configurazione base, senza collegamento alla bombola di ossigeno;
40-50%: ambu raccordato alla bombola di ossigeno ma senza reservoir o con reservoir collassato;
80-90%: ambu raccordato alla bombola di ossigeno e reservoir montato e gonfio.

Massimo Agnesi

Diploma di Maturità scientifica. Dipendente della Croce Rossa Italiana dal 2011 con qualifica di Autista Soccorritore. Monitore di Primo Soccorso e Istruttore Trasporto Sanitario e Soccorso in Ambulanza (Titoli rilasciati dalla Croce Rossa Italiana, Regione Veneto - Percorsi formativi riconosciuti dal Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza CREU Regione Veneto).

Massimo Agnesi ha 7 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Massimo Agnesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.